AdministraciónBlogEmprendimiento

Mappa del rischio di un’azienda

Per costruire un file mappa dei rischi di un’azienda La frequenza di un rischio dovrebbe essere tracciata sull’asse «Y» di un grafico e la gravità sull’asse «X». La frequenza si riferisce alla probabilità che il rischio si verifichi o semplicemente alla frequenza con cui si ritiene che si verifichi. D’altra parte, la gravità è l’impatto che avrebbe quando si verifica il rischio, più alto è il range di rischio, più pericoloso è per l’azienda.

Successivamente, spiegheremo passo dopo passo come costruire correttamente una mappa del rischio per un’azienda.

Come costruire una mappa del rischio di un’azienda

1. Coinvolgi il personale di tutte le aree della tua organizzazione.

La mappa dei rischi di un’azienda è un processo che non dovrebbe essere svolto esclusivamente da una persona.

Ogni dipendente di un’azienda, dai più alti dirigenti a uno stagista, può avere idee diverse sui rischi più comuni nel settore. Potrebbe non essere possibile coinvolgere tutti, ma è necessario chiedere a diversi dipendenti di diversi livelli di autorità e dipartimenti un parere personale su quali possano essere i rischi che possono essere evidenziati a livello personale, in modo tale che punti diversi di vista.

Un grande vantaggio dello svolgimento di questo esercizio è che è possibile scoprire rischi che non sono stati considerati in precedenza e ottenere nuove informazioni sulla gravità o la frequenza di un rischio.

2. Comprendi ogni rischio

La semplice identificazione e denominazione di ciascun rischio non è la soluzione per creare una mappa dei rischi efficace, deve essere valutare attentamente come i rischi potrebbero avere un impatto sull’operatività quotidiana dell’impresa o sull’integrità del personale che vi opera.

È necessario pensare alle conseguenze che porterebbe se accadesse, tenendo conto di ogni dettaglio. D’altra parte è importante anche la classificazione attribuita a ciascun rischio in termini di gravità e frequenza, in modo che il risultato finale sia una descrizione molto chiara ed efficace.

3. Cercare una guida

A volte può essere necessario chiedere una guida esterna all’azienda per realizzare un’adeguata mappa dei rischi organizzativi.

Quando un’azienda ha esperienza grazie ai suoi anni di attività, è più facile determinare quanto probabile e impattante potrebbe diventare un rischio, ma quando un’azienda è nuova un’opzione ragionevole sarebbe consultare un esperto in materia, che possiede l’esperienza necessaria per identificare i rischi. Alcune compagnie di assicurazione forniscono strumenti di gestione del rischio che possono aiutare.

Un altro modo per affrontare questa esigenza è ricercare organizzazioni simili che dispongono già di una mappa dei rischi elaborata.

4. Rivedi e modifica

Quando la mappa dei rischi completata è in atto e viene utilizzata per gestire e aiutare a mitigare i rischi, è importante ricordare che il panorama dei rischi può cambiare costantemente con l’azienda, per questo motivo è necessario rivedere periodicamente la mappa dei rischi per identificare possibili modifiche o includere nuovi rischi che non sono stati inclusi, in questo modo si crea uno strumento efficace e veramente affidabile.

In conclusione, la mappa dei rischi di un’azienda è uno strumento che ogni azienda dovrebbe utilizzare, poiché aiuta a mitigare perdite o disastri che potrebbero spazzare via un’organizzazione.

Potrebbe piacerti anche:

Publicaciones relacionadas

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Botón volver arriba
Cerrar