BlogEconomíaFinanzas

I pagamenti online sono il presente e saranno il futuro

Un sondaggio condotto da Mastercard e Americas Market Intelligence (AMI) rivela che il distacco sociale ha spinto l’e-commerce in America: il 46% dei messicani ha aumentato il proprio volume di pagamenti online durante la pandemia, mentre il 7% ha acquistato online per la prima volta.

L’e-commerce è diventato il modo più rilevante per acquistare e pagare online, il modo più semplice per gestire il denaro, sostituendo il contante, i dati mostrano anche che la pandemia e il distanziamento sociale hanno stimolato l’inclusione digitale e finanziaria, e ne hanno fatto una priorità, più Oltre 30 milioni di persone sono fallite negli ultimi mesi ed entro la fine di quest’anno circa 40 milioni di utenti avranno acquistato online per la prima volta.

I pagamenti dei servizi non sono stati lasciati indietro, dal momento che aziende come Megacable, Telcel, SIAPA, CFE, tra le altre società, hanno anche rafforzato le loro piattaforme per pagamenti onlinePer fornire una soluzione alle persone che non volevano aspettare in lunghe file in tempi di pandemia, secondo i risultati dei sondaggi, la maggior parte delle persone continuerà ad utilizzare questi mezzi di pagamento per i seguenti motivi:

  • 52% – Agilità nei pagamenti.
  • 43% – Praticità.
  • 36% – Abitudine.
  • 25% – Sicurezza.
  • 22% – Organizzazione finanziaria.
  • 20% – Sconti.
  • 12% – Piano di acquisto rateale.
  • 6% – Accumulo di «punti» benefici.

Diminuzione dei pagamenti in contanti

In relazione all’uso del denaro, c’è stato un forte calo in ogni mercato dovuto all’aumento del commercio elettronico e alla disponibilità di alternative come l’uso di carte e pagamenti elettronici, lo studio rivela che, in Messico, il 57% dei I consumatori utilizzano meno contanti grazie al Covid-19.

Un altro studio dalle Americhe pubblicato ad ottobre ha rivelato che il numero di messicani che non hanno conti bancari è diminuito del 73% negli ultimi cinque mesi, questo aumento è dovuto principalmente alla necessità per i messicani di utilizzare i servizi online per effettuare le proprie transazioni , per via del distanziamento sociale.

Nuove abitudini di acquisto hanno portato ad un aumento dell’utilizzo dei pagamenti elettronici al punto che tutte le tipologie di enti hanno dovuto implementare queste metodologie di pagamento, compresi enti pubblici, fornitori di servizi e piccoli negozi che non avevano in mente di implementare questa tecnologia.

Il sondaggio di Mastercard ha rivelato un aumento dell’11% dei consumatori che avevano ordinato per la prima volta una carta abilitata NFC dai loro fornitori di servizi finanziari e del 18% che stavano utilizzando la funzionalità per la prima volta durante la pandemia.

Secondo Mastercard, questo indica che il preoccupazione per evitare il contatto fisico aggiunta all’esistenza di varie opzioni di pagamento, hanno iniziato nuove abitudini di pagamento nel paese.

Questo movimento è visibile anche per l’aumento delle transazioni di prossimità effettuate con carte Mastercard, i dati interni indicano che il numero di pagamenti di approssimazione effettuati in Messico è più che raddoppiato tra gennaio e settembre di quest’anno, raggiungendo un totale di oltre 21 milioni a settembre solo.

Servizi finanziari nella pandemia

La digitalizzazione ha anche avuto un impatto importante sul modo in cui le persone utilizzano i propri servizi finanziari: prima della pandemia, il 44% degli intervistati affermava di utilizzare gli sportelli automatici per accedere ai propri conti o effettuare transazioni.

Dopo la pandemia, quel numero è sceso al 27%, la riduzione è stata ancora maggiore tra i consumatori che si sono rivolti agli sportelli bancari per effettuare le loro transazioni, dal 27% prima della pandemia al solo 10% di oggi.

Il movimento opposto è stato notato nei canali digitali, prima della pandemia, il 31% ha dichiarato di utilizzare l’online banking, mentre ora il 40% ha iniziato a utilizzare questo canale, anche l’utilizzo dell’applicazione è aumentato dal 60% prima della pandemia al 67% dopo. . Inoltre, oggi il 70% degli intervistati afferma di utilizzare i canali digitali per tutte o la maggior parte delle transazioni.

I consumatori hanno anche mostrato un forte desiderio di tagliare le spese, evitare il debito, gestire le proprie finanze in modo conservativo e sviluppare una mentalità a lungo termine nei confronti delle proprie finanze, con circa il 45% degli intervistati che prevede di risparmiare denaro più spesso dopo la pandemia e un altro 27% lo farà. pagare virtualmente le bollette.

Il futuro dei pagamenti online

Indubbiamente, i pagamenti online hanno dominato in tempi di pandemia, e questo ha fatto sì che le persone riconoscessero i grandi vantaggi di questi metodi di pagamento, che avevano come nemico la sfiducia e la paura degli anziani di perdere i loro soldi a causa del saccheggio dei loro conti per l’inserimento dei dati come riservate come quelle delle loro carte su Internet, ma ora anche il file pagamenti delle utenze possono essere effettuati online, il che dimostra che in futuro il denaro contante verrà utilizzato solo in pochi casi.

Publicaciones relacionadas

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Botón volver arriba
Cerrar